Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Inn Vet Med 27 | marzo 2014

Aliamidi nella gestione del prurito

Editoriale

Approccio terapeutico
al cane con prurito
(A. Fondati)

  • Corticosteroidi orali
  • Ciclosporina orale
  • Corticosteroidi topici
  • Tacrolimus topico
  • Terapia coadiuvante
  • Idratanti e protettori della barriera cutanea
  • Antimicrobici topici
  • Antistaminici H1 orali
  • Acidi grassi essenziali (EFA, Essential Fatty Acids)
  • Endocannabinoidi
  • Miscellanea
  • Decisioni terapeutiche
  • Prurito acuto
  • Prurito cronico
  • Prurito cronico in presenza di lesioni cutanee lievi o clinicamente non visibili
  • Prurito cronico con gravi lesioni cutanee

 

SkinAlia Clinical
Research Group

(MF. della Valle)

  • Dermatite atopica (DA)
  • PEA: un approccio innovativo alla DA
  • PEA – Come agisce?
  • SkinAlia® Clinical Research Group e lo studio per valutare l’effetto della PEA-um® nella dermatite atopica canina

 

Utilizzo pratico delle
aliamidi: case report

  • Gatto: complesso del granuloma eosinofilico
    (C. Medori)
  • Cane: dermatite atopica
    (L. Bomben)
  • Cane: dermatite eritematosa
    (L. Bomben)
  • Gatto: alopecia autoindotta
    (D. Di Mattia)

Editoriale

Le aliamidi, e in particolare la PEA (palmitoiletanolamide), rappresentano un approccio innovativo alla Dermatologia Veterinaria e, nello specifico, alla gestione del prurito allergico del cane e del gatto. Approccio innovativo, perché capaci di lenire infiammazione e prurito, mimando e potenziando i naturali meccanismi protettivi conservatisi nel corso dell’evoluzione. In due parole un trattamento “secondo Natura”. Le conoscenze oggi acquisite in dermatologia veterinaria si devono ad un percorso di Ricerca d’eccellenza, nato quasi un ventennio addietro con la scoperta, da parte del compianto premio Nobel Rita Levi Montalcini, del meccanismo ALIA (Autacoid Local Injury Antagonism): raffinata risposta biologica di antagonismo locale ai danni tissutali, esercitata “su richiesta” (on demand) da lipidi endogeni come la PEA. Le aliamidi (molecole a meccanismo ALIA, appunto) sono oggi ormai note come quei bioregolatori lipidici afferenti alla classe degli endocannabinoidi, che ottimizzano le naturali strategie difensive, utili per recuperare e conservare lo stato di salute dei tessuti.

La PEA e le aliamidi “sorelle” (es. adelmidrol) rappresentano da sempre il fiore all’occhiello dell’attività di Ricerca & Sviluppo di Innovet. Intorno a queste molecole, abbiamo attivato e sostenuto un network di Ricerca con l’obiettivo di restituire al mercato della Salute Animale i benefici derivanti da una nuova via terapeutica naturale per il controllo dell’infiammazione, del dolore e del prurito.

Nasce da questi presupposti SkinAlia:® il progetto di Ricerca Innovet, varato nel 2012 per indagare e confermare l’efficacia delle aliamidi nella Dermatologia Veterinaria. SkinAlia® ha già dato alcuni frutti significativi. Tra i più importanti, la dimostrazione che la PEA viene prodotta “on demand” dalla cute di cane atopico; e che la sua somministrazione esogena controlla l’ipersensibilità cutanea del cane e del gatto, sia indotta che spontanea, down-modulando l’iper-reattività funzionale (iper-degranulazione) dei mastociti cutanei. Sulla scia di questi importanti risultati, abbiamo dato vita nel 2013 allo “SkinAlia® Clinical Research Group”: una task force di medici veterinari italiani esperti di Dermatologia, uniti dal comune obiettivo di applicare alla Clinica Dermatologica dell’animale da compagnia le evidenze provenienti dalla ricerca sperimentale.

Questo numero di “Innovation in Veterinary Medicine” vuole fotografare la situazione attuale dell’utilizzo della PEA e delle altre aliamidi nella clinica pratica delle dermatopatie allergiche del cane e del gatto, oltre a fornire quelli che sono gli sviluppi a breve termine del progetto di ricerca SkinALIA®. Vorrei ringraziare Alessandra Fondati, autore dell’articolo sulla terapia del prurito del cane, che ci aiuta a capire dove possono essere utilmente impiegate le aliamidi nell’ambito del variegato strumentario terapeutico di questo invalidante sintomo del cane. Questo numero ci dà anche l’occasione di presentare l’ultima “fatica” del progetto SkinALIA®, ossia lo studio clinico multicentrico per la valutazione degli effetti della PEA ultra-micronizzata (PEA-um®) nell’atopia del cane.  Il numero si chiude infine con una serie di “case report” dermatologici trattati con successo con aliamidi, sia orali che topiche. Testimonianze, dunque,  di un percorso di ricerca finalizzato alla gestione a lungo termine delle dermatopatie pruriginose del cane e del gatto, che, a causa della loro caratteristica cronicità, necessitano di terapie certamente efficaci, ma soprattutto sicure e “secondo Natura”.

Renato della Valle
Amministratore Unico
Innovet Italia Srl

Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy