Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Inn Vet Med 26 | settembre 2013

PEA (palmitoiletanolamide) in OftalmologiaVeterinaria.

Introduzione

 Un endocannabinoide indirettoa meccanismo ALIA

 Potenzialità applicativein Oftalmologia veterinaria

  • La PEA nell’”occhio rosso” (congiuntivite/ blefarocongiuntivite allergica, uveite)
  • La PEA nella “sindrome.dell’occhio secco”
  • La PEA nel glaucoma

 

Conclusioni

 Riferimenti bibliografici

Introduzione

L’occhio è uno dei più sofisticati distretti dell’organismo animale, dotato com’è di complessi sistemi deputati a proteggerlo, nutrirlo e garantirne la preziosa funzione visiva. Il primo di questi è la cosiddetta “unità funzionale lacrimale” (LFU, Lacrimal Functional Unit): un sistema morfo-funzionale, principalmente costituito dagli epiteli di cornea e congiuntiva, dalle ghiandole lacrimali e dall’innervazione motosensoriale, e capace di svolgere fondamentali attività protettive, detergenti, lubrificanti e nutritive.1 Il secondo sistema è quello immunoregolatorio (EALT, Eye-Associated Lymphoid Tissue): l’insieme, cioè, di difese, innate e acquisite, oggi considerato parte integrante del sistema immunitario mucosale,2 e talmente raffinato da saper reagire prontamente ad allergeni ambientali e invasioni microbiche, da una parte, ed essere in grado di tollerare l’introduzione di cellule “estranee” (trapianti), dall’altra.3-5 Le più frequenti malattie che interessano l’occhio del piccolo animale, come le manifestazioni di “occhio rosso” (es. congiuntivite / blefarocongiuntivite allergica, uveite), la sindrome dell’occhio secco e il glaucoma, derivano proprio dalla disregolazione di questi sistemi, e dal conseguente instaurarsi di “cicli viziosi” di danno che coinvolgono sia la LFU che il sistema neuro-immuno-infiammatorio locale.5-7 Al centro di tali cicli, oggi la Ricerca di frontiera colloca il mastocita oculare: cellula immuno-competente che, tramite la funzione di degranulazione, presiede e coordina l’omeostasi locale. Quando deregolata e iper-reattiva, questa cellula è però capace di trasformarsi nell’elemento chiave di innesco e cronicizzazione sia della neuro-infiammazione oculare che delle alterazioni quali-quantitative del film lacrimale che la precedono, o ne sono la conseguenza.8-10In questo panorama,  la PEA (palmitoiletanolamide) rappresenta una nuova via terapeutica, ricca di stimolanti prospettive nel settore oftalmologico, sia umano che veterinario. La naturale presenza nei tessuti oculari, e la capacità di esercitare effetti protettivi e di recupero omeostatico, principalmente tramite il controllo dell’iper-reattività mastocitaria (effetto ALIA), rendono , infatti, la PEA una molecola ideale per gestire “secondo Natura” le principali disfunzioni oculari del piccolo animale. La sua somministrazione esogena riveste in tal senso il  significato di ristabilire i livelli di bioregolatore endogeno,11 necessari a down-modulare l’eccessivo rilascio di mediatori mastocitari implicati nella risposta neuro-immuno-infiammatoria oculare, senza però intaccare quella “soglia” di degranulazione, fondamentale per garantire sia la normo-reattività difensiva dell’occhio che il suo peculiare privilegio immunitario.

Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy