Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Aliamidi in Dermatologia: nuove conferme

Palmitoiletanolamide (PEA) e Adelmidrol riducono l’infiammazione allergica cutanea del cane. Presentati a Padova i risultati del progetto di ricerca UNIVET-INNOVET.

Aliamidi in Dermatologia: nuove conferme

Si è tenuto a Padova il primo corso di approfondimento diagnostico e terapeutico in dermatologia veterinaria, organizzato, con la collaborazione del laboratorio San Marco, da UNIVET: spin-off dell’Università autonoma di Barcellona specializzata nello studio delle malattie cutanee degli animali da compagnia. La discussione interattiva delle tematiche dermatologiche – dalle diverse forme di dermatite papulare, ulcerativa e crostosa alle alopecie multifocali – è stata condotta dalle due relatrici – Alessandra Fondati e Laura Ordeix – secondo la metodologia POA (Problem Oriented Approach): quella raccolta sistematica dei segni di malattia, da integrarsi con i dati istopatologici e di laboratorio per identificare quanto prima il problema clinico e formulare un adeguato piano terapeutico.
Il corso di Padova è stato anche l’occasione per presentare i risultati di quel progetto di ricerca, siglato nel 2007 tra UNIVET e INNOVET proprio con l’obiettivo di studiare meccanismi ed effetti delle aliamidi nel settore dermatologico veterinario.
Anna Puigdemont, farmacologa coordinatrice del progetto, ha rassegnato i dati finora ottenuti. A partire dalla capacità della PEA di down-modulare il rilascio da parte dei mastociti cutanei di cane di mediatori coinvolti nell’infiammazione e nel prurito. Per arrivare agli importanti risultati, appena pubblicati sulla prestigiosa rivista “The Veterinary Journal”, che dimostrano come una dose singola di PEA sia in grado di ridurre, in modo rapido e significativo, la risposta cutanea allergica (pomfo), indotta in Beagle ipersensibili al parassita Ascaris suum dall’iniezione intradermica di anticorpi anti-IgE o dell’antigene stesso. L’effetto anti-allergico è massimo a 10 mg/kg, e si prolunga anche dopo il decremento della concentrazione plasmatica della dose singola di PEA somministrata per via orale.
Presentati in anteprima assoluta anche i dati sugli effetti anti-allergici di Adelmidrol. Già dopo tre giorni di terapia topica con l’aliamide, i cani ipersensibili dimostrano una regressione dell’edema e della dermatite perivascolare, oltre ad una significativa riduzione del numero di mastociti dermici. Tra il quarto ed il settimo giorno di trattamento, Adelmidrol determina anche una diminuzione altrettanto consistente del pomfo allergico.
Insomma, un complesso di evidenze scientifiche, che sostanziano il valore delle aliamidi, sia sistemiche che topiche, come opzioni d’avanguardia in Dermatologia Veterinaria: per i comprovati effetti antiallergici, l’elevata sicurezza d’impiego, ed il vantaggio che offrono nel ridurre dosi e tempi di somministrazione delle classiche terapie dermatologiche, controllandone gli effetti collaterali o avversi, molto spesso inaccettabili.

Puigdemont A. Effects of palmitoylethanolamide and adelmidrol on the inflammatory responses in Beagle dogs. Corso di approfondimento diagnostico e terapeutico in Dermatologia veterinaria, Padova, 17 giugno 2011

© 2011 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy