Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Cute in provetta per testare la PEA

La PEA-um modula i mastociti in colture di cute realizzate per la prima volta nel cane.

Cute in provetta per testare la PEA

Quello delle SOC (Skin Organ Culture) è un progetto di ricerca avveniristico volto a creare in laboratorio vere e proprie colture di cute di cane, al fine di poter testare la sicurezza e l’efficacia di sostante attive senza il ricorso alla sperimentazione animale. La cute di cane viene prelevata durante le normali pratiche chirurgiche di routine (es. sterilizzazioni) e coltivata in laboratorio mantenendo vitali per diversi giorni tutti i suoi elementi morfologici e funzionali. Ciò consente di testare sostanze adatte a ripristinare l’omeostasi di questo tessuto senza arrecare agli animali inutili sofferenze.

 

Il progetto nasce dalla collaborazione tra Innovet e un gruppo di ricerca veterinaria d’eccellenza dell’Università di Pisa, coordinato da Francesca Abramo e Vincenzo Miragliotta.

 

I primi risultati del progetto SOC sono stati presentati al Congresso Mondiale di Dermatologia Veterinaria tenutosi a inizio Giugno a Bordeaux. Alla presenza dei maggiori esperti mondiali di questo argomento, il Dr Miragliotta ha tenuto una relazione sull’argomento, spiegando nel dettaglio le metodiche di messa a punto del modello SOC, il comportamento dei mastociti cutanei e la loro risposta a sostanze naturali endogene prodotte in situazioni di danno, come la PEA (palmitoiletanolamide).

 

“È la prima volta – ha sottolineato Miragliotta – che viene realizzato questo modello di coltura organotipica nel cane. Ne abbiamo in particolare dimostrato la fattibilità. Ne abbiamo analizzato la validità a livello epidermico, sollecitando la proliferazione e la differenziazione dei cheratinociti con specifici fattori di crescita (EGF) e dimostrandone l’inibizione con l’utilizzo di classici antinfiammatori (desametasone). E ci siamo infine concentrati sui mastociti dermici, di cui abbiamo dimostrato la responsività a classici agenti degranulanti, così come la capacità di essere down-modulati dalla PEA in forma ultra-micronizzata.”

 

Quest’ultimo dato rappresenta dunque un’importante conferma dell’effetto ALIA (Autacoid Local Injury Antagonism) di cui la PEA-um si serve per contrastare in maniera fisiologica infiammazione cutanea e prurito e, così facendo, esercitare effetti benefici nelle allergie del cane, già clinicamente dimostrati.

 

Abramo F, Pirone A, Lenzi C et al. Effetto di palmitoiletanolamide ultramicronizzata sulla degranulazione mastocitaria in un modello ex vivo di cute di cane. Atti Congresso Internazionale Scivac, Rimini, 27-29 maggio 2016, p.2

 

Abramo F, Pirone A, Lenzi C et al. Establishment and pharmacological modulation of a canine skin organ culture model. Veterinary Dermatology, 27 (Suppl. 1), 6–121

 

© 2016 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy