Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Il profilo tipo del cane con artrosi

Uno studio inglese su larga scala identifica il profilo tipico del cane con artrosi: maschio, di taglia grande, castrato, in sovrappeso e di età superiore agli 8 anni.

Il profilo tipo del cane con artrosi

Quasi 500.000 cani sono stati inseriti nel programma demografico VetCompass del Royal Veterinary College di Londra, con l’obiettivo di stimare la prevalenza dell’artrosi, identificarne i fattori di rischio e, infine, verificarne le misure più frequenti di gestione quotidiana.

 

Lo studio ha valutato una prevalenza di artrosi appendicolare pari al 2,5%, il che significa più di 200.000 cani colpiti dalla malattia nel Regno Unito, dove si stima che la popolazione canina sia di 8,5 milioni.

 

Undici, in particolare, le razze maggiormente esposte al rischio artrosi, e tutte di taglia grande/gigante. Tra queste, Rottweiler, Bobtail, Dogue de Bordeaux, Labrador e Golden Retriever, Pastori tedesco, Bullmastiff e Border Collie. Apparentemente meno a rischio i meticci e i cani “piccoli”, tra cui ShihTzu, Yorkie e Westie.

 

In merito ai fattori di rischio, i maschi sono 1,2 volte più propensi all’artrosi rispetto alle femmine, così come sono più esposti ai problemi articolari gli animali sterilizzati rispetto agli interi.

 

Altro importante fattori di rischio il sovrappeso, che aumenta di 2,3 volte la probabilità di sviluppare artrosi. E a seguire l’età; tanto che, si legge nell’articolo scaricabile gratuitamente da Scientific Reports, “è dagli otto anni in su che aumenta la prevalenza dell’artrosi, a significare che, analogamente a quanto riscontrato nell’uomo, si tratta di una malattia chiaramente collegata anche all’invecchiamento anagrafico degli animali.” 

 

Infine, in rapporto alla gestione dell’artrosi, il 75% degli animali riceve prevalentemente un trattamento unicamente analgesico. A dispetto delle evidenze cliniche e di letteratura, molto dunque resta ancora da fare per affermare l’importanza nella pratica quotidiana di quell’approccio multimodale, indispensabile a contrastare il circolo vizioso dell’artrosi e del suo dolore.

 

 

Anderson KL, O’Neill DG, Brodbelt DC, Church DB, Meeson RL, Sargan D, Summers JF, Zulch H, Collins LM. Prevalence, duration and risk factors for appendicular osteoarthritis in a UK dog population under primary veterinary care. Articolo a libero accesso da Sci Rep. 2018; 8(1):5641

© 2018 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy