Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

L’importanza della barriera nelle malattie cutanee del cane

A SCIVAC Rimini un seminario specialistico ribadisce l’importanza della barriera cutanea nel cane, sia in salute che in corso di allergia.

L’importanza della barriera nelle malattie cutanee del cane

La barriera cutanea è un bersaglio di importanza cruciale per la cute: essenziale al benessere di quest’organo quando integra e in salute, e altrettanto coinvolta nell’innesco e nella cronicizzazione delle allergie cutanee, quando difettosa e affetta da deficit e lesioni di varia natura.

 

Parte da questi presupposti la sessione specialistica di SCIVAC Rimini 2018, durante la quale Rosanna Marsella (Diplomata al College americano di Dermatologia veterinaria) ha spiegato ad un folto pubblico l’importanza strategica della barriera cutanea: un vero e proprio spartiacque multi-tasking tra organismo ed ambiente esterno, che assolve a funzioni protettive, immunomodulatorie, idratanti e termoregolatorie.

 

Tutto dipende – ha affermato Marsella – dalla corretta anatomo-fisiologia della barriera cutanea: una complessa struttura in cui le cellule epidermiche (i cheratinociti) sono compattate da complessi apparati di interconnessione ed immerse in un film idrolipidico, cruciale per la funzionalità di barriera di questo particolare distretto cutaneo.”

 

Circa i danni a carico della barriera della cute, Marsella non hanno dubbi. Non si tratta solo di un effetto conseguente all’instaurarsi dell’infiammazione atopica. È piuttosto un meccanismo primario di danno, tale per cui la carenza, anche su base genetica, dei lipidi di superficie (es. fitosfingosina, ceramidi) porta a pericolosi danni funzionali (es. perdita della corretta idratazione cutanea), ma anche al rischio di sensibilizzazione allergica diretta.

 

Senza contare il fatto che una barriera cutanea difettosa rappresenta la porta d’ingresso per batteri e lieviti, oltre che substrato preferenziale per la modifica del locale microbioma verso popolazioni microbiche più virulente e francamente patogene.
Da un punto di vista applicativo, appare dunque evidente l’importanza di tutte quelle proposte che, accanto ad un controllo obbligato dei principali meccanismi immuno-infiammatori delle malattie allergiche (es. degranulazione mastocitaria), sappiano abbinare un adeguato ripristino della barriera cutanea.

 

 

Marsella R. Skin barrier: why is it so important in canine atopic dermatitis. Atti Congresso Internazionale SCIVAC, Rimini, 25-27 maggio 2018, p. 104-107

© 2018 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy